Blog

Ultimi articoli
Barman a domicilio, aprire la p.iva e iniziare a guadagnare

Barman a domicilio, aprire la p.iva e iniziare a guadagnare

Barman, barista, bartender, è il professionista nell’ambito del bar, un mestiere antico ma in costante evoluzione.   Ã¨ una figura estremamente richiesta e ci sono diversi sbocchi lavorativi che un Barman professionista può seguire.

  • può lavorare  in discoteche e locali
  • può lavorare in banchetti e catering
  • può aprire un proprio locale
  • può fare il barman a domicilio

Quest’ultima è una figura professionale che è cresciuta esponenzialmente soprattutto in seguito alla pandemia del Covid-19, gli schemi  usuali sono totalmente saltati e, grazie a questo, la figura di Barman a domicilio è diventata una moda anche nel nostro paese. Il barman viene a casa tua con gli ingredienti precedentemente acquistati, prepara i drinks, serve e si occupa anche della sistemazione della tua cucina.

La difficolà maggiore che si incontra in questa libera professione, è riuscire a trovare i clienti, o meglio, che i clienti riescano a trovare il bartender.

Per ovviare al problema è necessario creare una rete oppure iscriversi gratuitamente al portale dedicato a tutti i barman d’Italia, per farti trovare in maniera semplice dai tuoi clienti.

Come diventare barman freelance e quali sono i requisiti?

I requisiti per diventare un barman freelance, cosa dice la normativa:

  • seguire i corsi HACCP tenuti e certificati dalle ASL di competenza territoriale. I barman devono essere in possesso delle abilitazioni HACCP necessarie per la somministrazione di alimenti e bevande e la relativa normativa in termini igienico sanitario.
  • avere almeno due anni consecutivi di esperienza nel settore, nei 5 anni precedenti alla richiesta di avvio attività.
  • aprire la partita IVA come “ditta individuale”
  • presentare la richiesta di SCIA (segnalazione certificata di inizio attività), presso il SUAP (sportello unico delle attività produttive) del Comune di domicilio dell’attività.
  • a questo punto inviare un modulo di inizio attività anche all’ASL competente
  • attivare una PEC dedicata e fare richiesta della firma digitale.
  • a questo punto è possibile icriversi alla Camera di Commercio nella sezione “commercianti” (CCIAA)

Prima di poter effettivamente iniziare l’attività a norma di legge, bisogna attendere la visura camerale rilasciata dalla Camera di Commercio. In genere viene trasmessa tramite PEC entro pochi giorni lavorativi.

Ma quale regime fiscale può avere il Barman Freelance?

La normativa per i barman freelance prevede l’apertura della partita iva come “ditta individuale”, questa è gratuita ed è possibile farne richiesta direttamente online dal sito dell’Agenzia delle Entrate attraverso il mod. AA9/12.

Il regime fiscale che un barman a domicilio può scegliere è sia quello forfettario che il regime semplificato.

è importante selezionare il codice ATECO adatto. In questo caso specifico il codice ATECO dedicato a Catering e Banqueting è quello che ci serve. Il Codice è 56.21.00.

Diventare Barman a domicilio, quali sono i vantaggi?

II vantaggi di diventare Barman a domicilio sono innumerevoli:

  • Il più importante è sicuramente la libertà di poter scegliere quando lavorare, dove lavorare e con chi lavorare.
  • il secondo vantaggio è indubbiamente quello economico. un Barman freelance può guadagnare molto più di un barman dipendente. Ovviamente il guadagno maggiore è determinato da un maggior numero di clienti, per questo ti consigliamo di farti notare e iscriverti subito nella piattaforma gratuita qui.
  • Il terzo vantaggio è che è un mestiere che ti permette di spostarti e di poter lavorare in tutta Italia.
  • un altro vantaggio è che vengono abbattuti totalmente tutti i costi relativi a personale, coperti, affitti, spese di luce, gas, acqua, rifiuti ecc., a vantaggio anche delle tasche del cliente.
  • Puoi proporre i tuoi drinks, puoi variarli a tuo piacimento, puoi modificare e giocare con gli ingredienti, in base ai gusti, alle diete e alle allergie dei tuoi clienti.

Come per tutti i mestieri, anche per quello del barman non ci si può improvvisare. Ci sono corsi a disposizione sia gratuiti che a pagamento, ma la gavetta è assolutamente necessaria in questa professione.

Se sei già un Barman a domicilio, ti consiglio di iscriverti subito alla piattaforma online gratuita dedicata. Potrai farti trovare dai clienti, caricare le tue proposte e i tuoi drinks.

Se stai cercando un Barman a domicilio, trova quello più adatto a te qui.

Articoli correlati